30 C
Catanzaro
22 Agosto 2019
Attualità

I graffi

di Ruggero Pegna

Fornai, benzinai, cuochi, operai, ecc., insomma tutti quelli che non sono politici di professione, siete avvisati: fate il vostro lavoro e non esternate pensieri fastidiosi a piacimento, almeno su argomenti di esclusiva competenza di chi avete eletto e fa quel nobile mestiere nell’interesse del popolo italiano. Chi cuoce cuocia e chi canta canti! Poi, a dire il vero, un cantante può avere l’ardire di esprimere liberamente come la pensa, a parole e senza musica? Con la musica sotto il discorso cambia, vedi rapper e trapper che ne sparano a vagonate senza che qualcuno si scandalizzi.

Chi sarebbe stato Mogol senza qualcuno che gli musicasse i testi? Un parolaio e non un paroliere!

Tant’è che, con la musica, anche il Pescatore di De Andrè, quello che versò il vino e spezzò il pane per chi diceva ho sete ho fame, può piacere a tutti, indipendentemente da posizioni politiche e considerazioni umanitarie. C’èra la musica e chi è abituato a fischiettare radendosi la barba o spalmando la nutella sulla fetta biscottata, alle parole ci pensa poco. Conta l’orecchio!

Claudio Baglioni

Come dice uno studio, se si fanno fischiettando, i selfie vengono più ammiccanti e prendono vagonate di like! Poi, onestamente, uno che cantava “passerotto non andare via senza i tuoi capricci che farò”, è meglio che copra tutto con la musica e faccia silenzio!

Tra animali e migranti, questo è seriamente un pericolo pubblico, un Noè dei giorni nostri che si caricherebbe di tutto senza un minimo di selezione. Da milioni di anni, l’Italia è degli italiani che, con cura e pazienza, hanno persino scavato secoli per staccarla dall’Africa e farne una penisola. Via passerotti capricciosi e gente colorata che vorrebbe arrivare da ogni parte!.

E se si dovesse sapere che, oltre a parlare a vanvera e a cappella, Baglioni organizzava un festival proprio a Lampedusa dedicato ai migranti, rischierebbe pure di essere incriminato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Vuoi vedere che tutti questi che partono dall’Africa sono suoi fans? Per il prossimo Festival di Sanremo, sarebbe bene cominciare a pensare a Van de Sfroos che, perlomeno, canta pure in lombardo e si fischietta che è una meraviglia: “Sbuscià de tot ma ho s’cepà nagot… Africa dulza del tramut so la feruvia alta marea che fa naufragà ‘l bicer”. Anche lui pensa, ma almeno non fomenta e lo capiscono in pochi!  

Sì, perché i cantanti che pensano e parlano, non piacciono nemmeno ai direttori della tv. Sanremo è Sanremo, il festival della canzone, non un talk show di Gad Lerner.

E poi, come fanno notare i seguaci della politica dai nobili propositi, come si poteva, peraltro a Capodanno, pensare di far sbarcare quarantanove uomini, donne e bambini, mentre nevicava ad Amatrice? Bisogna essere proprio degli irresponsabili buonisti! In Italia nevicava e qualcuno pensava a quei signori in barca a festeggiare l’arrivo del 2019 nel Mediterraneo con caviale e champagne, ballando appresso ad Amadeus e alle nonne delle Chic in tv!

Per fortuna, a tranquillizzare i più preoccupati, quelli che ormai hanno un chiodo fisso e ad Amatrice pensano notte e giorno, è arrivata la notizia che la foto di case sommerse dalla neve era una fake scattata, addirittura, in Libano! Meno male che l’ha detto pure il Tg1, così il caso è chiuso.

Poi, chiedo proprio a Baglioni: era il momento di fare polemiche alla vigilia di Sanremo, tirando per la giacca chi è già preso dai tanti problemi seri del Paese? L’Italia è fuori controllo per colpa dei migranti e noi pensiamo ad accoglierne altri cinquanta!

Se Baglioni rischia di perdere Sanremo, il pericolo più grosso, però, lo corrono i calabresi. A malapena e non senza mal di stomaco, da un paio d’anni sono considerati italiani anche dai Padani ed ora si mettono a fare i buonisti dalla parte di profughi e migranti? Poi si meravigliano che li chiamano terroni e a qualcuno torni in mente perfino la secessione.

Stiano buoni e la notte pensino a dormire. Non sanno e non vedono mai niente e, improvvisamente, vedono una barca al buio ed escono nudi, a meno sei, per soccorrere migranti?

Related posts

Con Sissy è morta la “pista”- suicidio di Mario Meliadò

Redazione

Carlo Rambaldi, mio padre

Redazione

La sentenza del TAR Lazio sulle Dogane: il ricorso velleitario di Reggio e le legittime ragioni di Catanzaro.

Redazione